x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
EN
Ieri e oggi: il ritorno della boiserie
Quando un elemento di disturbo diventa il protagonista indiscusso
La cabina armadio come spazio da organizzare, da vivere
In&Out: la porta che arreda
Inaspettate oasi di relax, per un design che si ispira alla natura
Il benessere a portata di interior design: Primo Piano Fitness & Cattleya Wellness
I Dogi: tra concorsi, fascino veneziano e prezioso vetro di Murano
Green power: la dirompente personalità delle piante per interni
Sognare una vita su misura: il Design Tailor made
Il ‘Protagonista Assente’ per eccellenza: lo specchio
Il Design entra nella Blue Economy
Una casa all’insegna del benessere: il divano è il nuovo protagonista
La cucina, il cuore pulsante della casa
L’Interior Design della Leggerezza
Il bagno sta cambiando le nostre vite
La casa contemporanea secondo le ispirazioni del Salone del Mobile 2018
Salone del Mobile: le nuove tendenze del design
Quella cosa che chiamiamo lusso
Ri-strutturare, l'affascinante trasformazione di ambienti riletti in chiave moderna
Carte da parati, una nuova prospettiva per gli interni
Colore Contemporaneo
Il nuovo chic è minimal
Interior Design: cambiare fa bene!
Quando un elemento di disturbo diventa il protagonista indiscusso

Quante volte all’interno di un progetto d’interni ci troviamo davanti ad un elemento di disturbo? Quasi sempre, soprattutto nelle ristrutturazioni. Il segreto è quello di renderlo il protagonista indiscusso dell’ambiente. Vi faccio un esempio.

Uno dei miei ultimi lavori di interior eseguito per una palestra di Verona, mi ha portata a dover riqualificare in un contesto scenografico e d’impatto un montacarichi già esistente. Questo elemento, essendo adibito principalmente al trasporto di materiale e non di persone, non era stato minimamente curato dal punto di vista estetico (si parla di circa 20 anni fa). 

 

 

 

Foto prima della ristrutturazione

 

 

Oggi questo montacarichi alto 6 metri è stato completamente trasformato: è ricoperto da due grafiche - una donna e un uomo che stanno compiendo attività fisica - in pellicola adesiva microforata oneway e si inserisce in modo armonico nell’intero progetto e dona valore scenico dell’entrata. 

 

 

 

Foto di Maurizio Marcato