x
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
EN
Pavimento flottante... perchè no?!

Che venga chiamato pavimento flottante, galleggiante o sopraelevato, sempre dello stesso prodotto si parla. 
Con questi tre aggettivi infatti viene indicata quella modalità di installazione del pavimento che prevede una posa a secco, ovvero priva di qualsiasi collante che invece viene generalmente usato per le classiche piastrelle.
È un sistema sopraelevato nato per nascondere al di sotto del pavimento i vari sistemi impiantistici (cavi elettrici, cavi di rete, tubazioni di aria calda e/o fredda).


Il tutto è possibile mediante delle sottostrutture con piedini metallici o plastici che, grazie alla loro altezza permettono di creare un piano distaccato rispetto al massetto e di formare quindi al di sotto quell’ intercapedine (vano tecnico) che ha la funzione di alloggiare tutti gli impianti sopra citati.

Newfloor


Contrariamente ai Paesi del centro e nord Europa, nei quali la posa flottante è ormai un modus operandi consolidato, in Italia tale pratica non ha riscontrato così tanto successo nel privato (il 70% delle pose avvengono ancora con collanti). C’è da dire che questo sistema viene però da anni utilizzato anche nel nostro paese per la pavimentazione di zone operative come gli uffici. Una scelta intelligente per poter spostare agilmente qualsiasi collegamento e creare nuovi punti operativi senza la necessità di intervenire con opere murarie, spesso spiacevoli e più costose. 

 

Esagono

 

Ispirandosi agli uffici e agli edifici commerciali, il pavimento flottante ha trovato spazio anche negli ambienti residenziali sia interni che esterni, con tre grandi vantaggi:

1) offre a noi designer la massima libertà creativa in fase di progettazione, svincolandoci dal posizionamento dei vari impianti. 
2) Il vano vuoto al di sotto del piano di calpestio creato da questo tipo di posa, rende possibile una separazione termica tale da garantire un migliore benessere abitativo.
3) Facilità e velocità di intervento in caso di manutenzione o sostituzione della piastrella.

 

 

Come ogni tipologia di pavimentazione, anche la soluzione flottante prevede a catalogo varie finiture di design che variano dalla praticità del gres, all’eleganza delle pietre naturali, passando al caldo del legno, fino alla trasparenza del vetro al design del metallo.

La forma dei moduli è quadrata o rettangolare ed entrambe le soluzioni sono facilmente asportabili manualmente grazie all’utilizzo di una ventosa.

 

Vediamo insieme qualche applicazione:
 

Newfloor per concessionario Citroën Milano
 

Newfloor per libreria Rizzoli Milano, progetto di Paolo Lucchetta
 

Gres di Marazzi
 

Collezione High Glass di Nesite

 

>