x
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
EN
SIX FEET APART - come riorganizzare i locali pubblici

L’emergenza da COVID-19 ha accelerato in modo esponenziale il processo di design, spingendo le aziende a rispondere alle nuove esigenze emerse con strategie intelligenti e funzionali ed adottando modi innovativi per riconnettersi con il mondo e fare la differenza. Del resto l’obiettivo, ed il grande merito dei designer sta proprio nella capacità di cogliere i cambiamenti delle epoche in cui viviamo e di convertirli in oggetti e idee.

La riapertura dei locali pubblici sembra ormai essere vicina ed è proprio questa occasione ad offrire ai designer la possibilità di ripensare completamente i luoghi condivisi al fine di ricreare spazi in cui tutti gli elementi del design siano in armonia tra loro e nei quali la componente emotiva rifletta il senso di sicurezza e sempre più di casa, il tutto coinvolgendo il consumatore in maniera consapevole. Insomma, tanto per iniziare, basta con le banali ed antiestetiche lastre di plexiglass e via libera ad alternative più client-friendly!

Il COVID-19 sta portando una crescente attenzione verso i temi della salute e del benessere a 360°, influenzando tutti i settori: cibo, vendita al dettaglio, arredi, viaggi e bellezza.

Il concept di qualsiasi nuovo prodotto sarà poi fortemente influenzato dai principi della Circular Economy, basata su concetti come quello della condivisione, del riutilizzo, della riparazione e del riciclo di materiali e prodotti esistenti, abbandonando la cattiva abitudine dell’usa e getta. 

Nei locali pubblici i consumatori desiderano sentirsi protetti ed “al sicuro”, per questo gli ambienti lavorativi dovranno organizzarsi secondo alcune linee guida.

 

UFFICI
Dopo il lockdown di due mesi, è importante tornare sul posto di lavoro con serenità ed agire responsabilmente. Un ufficio Six feet prevede postazioni fisse, semi isolate o circoscritte da grafiche che delimitano visivamente lo spazio, facendo percepire le distanze di sicurezza. I due mesi di isolamento presso le mura domestiche hanno messo in discussione le abitudini delle persone, invogliandole a cercare sempre più un equilibrio tra vita privata e lavoro e ad essere sempre più desiderose di lavorare in un ambiente che rifletta l’ambiente casa, nei colori, negli arredi e nei profumi. 

Fonte: Estel Group 

 

BAR E RISTORANTI
Dovranno prevedere un ingresso parzialmente isolato che funga da filtro rispetto al resto del locale dove poter igienizzarsi accuratamente le mani, depositare gli indumenti e indossare copriscarpe monouso. A tal proposito Samsung ha ideato AirDresser, un armadio igienizzante che elimina batteri, acari e virus attraverso getti di vapore.

Fonte: Samsung 

Il menù sarà contactless e digitale: con l’app Sooneat, ogni cliente dal proprio smartphone potrà evitare la coda all’ingresso, accomodarsi al tavolo prenotato, consultare il menù, le foto del piatto, ordinare e pagare con un semplice click.

A proposito di tavoli e sedie… come verranno organizzati? I ristoranti con ampia metratura avranno la possibilità di ridisporre i tavoli secondo le distanze di sicurezza previste, ma per i piccoli ristoranti? A un mio cliente ho proposto un piano d’appoggio sagomato da avvitare semplicemente alla struttura del tavolo esistente, ottimizzando lo spazio rispetto ad accostare due moduli quadrati.

 

Molto importante sarà anche riorganizzare gli spazi esterni. Sarà una delle missioni più importanti di ristoranti e bar quella di garantire nuovamente un’esperienza all’altezza del passato.

 

PARRUCCHIERI ED ESTETISTE
La visita dal parrucchiere e dall’estetista sarà molto più psicologica di quanto ci si potrebbe aspettare, sarà un’esperienza di benessere e beauty a 360° con trattamenti personalizzabili e prodotti prevalentemente green, il tutto prenotabile attraverso un’app.
Nuovi restyling per le sale d’attesa ove possibile, con soluzioni d’arredo modulari e componibili, in grado di mantenere un minimo contatto tra i clienti ma rispettando la distanza di sicurezza. L’immagine rappresenta una situazione tipo degli arredi Martex prima e post Covid-19. Gli arredi si possono adattare in base alle esigenze e sono rivestiti con tessuto 100% antibatterico.

Fonte: Martex

>